Riduzione degli interventi chirurgici

nuova riduzione degli interventi chirurgici

Nuova riduzione degli interventi chirurgici, con la pandemia che corre non è un fulmine a ciel sereno. Per recuperare nel post covid ci sarà bisogno di pensare fuori dai soliti schemi.

La nuova ondata pandemica

Un momento di riflessione è d’obbligo in questo periodo di ritorno di una pandemia che speravamo in regressione.

Un problema molto grosso che sta prendendo nuovamente piede è l’ennesimo blocco delle operazioni che vengono rinviate, con la possibilità di vedere ancora slittare la data di interventi che sono bloccati dal 2020. 

Se all’inizio della pandemia questo fenomeno era comprensibile, ora una nuova riduzione degli interventi chirurgici diventa per tutti difficoltoso da accettare.

Ma vediamo insieme le motivazioni, e soprattutto perché diventa così difficile procedere alla regolare realizzazione di un intervento.

Nuova riduzione degli interventi chirurgici, ecco il perché

Un periodo di ritorno a un aumento di ricoveri e il personale sanitario che inizia a non essere abbastanza.

Sono molti i medici ed infermieri che sono risultati positivi in questo periodo, e quindi come tutti devono effettuare una quarantena fino a completa negativizzazione.

Ecco che il primo problema che si pone è la carenza di personale.

Se poi contiamo anche un notevole aumento di ricoverati per problemi legati al virus in circolazione, a questo punto si arriva a comprendere che sia necessario andare a fermare alcune delle attività che normalmente si svolgono negli ospedali.

Ecco perché è in programma una nuova riduzione degli interventi chirurgici.

Per poter fare in modo che personale e sale operatorie siano disponibili per affrontare al meglio questa nuova emergenza sanitaria.

Anche la parte relativa a tamponi per la gestione del monitoraggio ospedaliero di persone positive e la somministrazione dei vaccini vede molto personale al lavoro.

È stato chiesto a molti medici vicini alla pensione di posticiparla. E anche molti studenti universitari si sono proposti per scendere in campo durante l’emergenza.

Purtroppo, nel momento dei picchi della malattia, diventa tutto difficile da gestire e si arriva a decisioni estreme come anche quello di ridurre gli interventi chirurgici.

Nuove riduzioni degli interventi chirurgici, a quando il recupero

Non è facile rispondere a questa domanda, perché non è possibile comprendere l’andamento della pandemia. Quindi in un ipotetico progredire dei contagi si avranno ancora molte settimane di fermo per le persone e quindi si dovrà calcolare uno slittare ancora molto lungo.

Dal 2020, anno in cui è iniziata la pandemia, si è fermato il sistema sanitario, con un totale fermo di operazioni che si potevano recuperare in un secondo tempo.

Gli stessi chirurghi avevano chiesto ai pazienti di collaborare e che presto tutto sarebbe tornato alla normalità per poter ottenere un numero migliore di quelli che sono i dati attuali.

Purtroppo, dobbiamo andare a guardare dei dati che non ci piacciono per nulla.

Neanche il numero completo degli interventi chirurgici della prima ondata di pandemia è stato recuperato, questo vuol dire che vi sarà un ulteriore incremento di attesa, e molti sono i pazienti che si sentono catalogati di serie B.

Inoltre, alcuni ospedali stanno chiudendo nuovamente reparti per accogliere malati di Covid. Anche le degenze non vengono garantite e le persone tornano a preoccuparsi.

Naturalmente per i malati gravi e interventi inderogabili il servizio chirurgico è sempre attivo e presente.

Nuove riduzioni degli interventi chirurgici, soluzioni possibili

Sono molte oramai le richieste di aiuto e le grida di allarme da parte degli ospedali e delle associazioni dei chirurghi in Italia.

È di pochi giorni fa l’intervento del Dottor Scatizzi, presidente dell’ACOI (Associazione chirurghi ospedalieri italiani), che ha dichiarato che “Solo con più personale e risorse in un anno possiamo recuperare il 70% degli interventi, l’altro 30% da smaltire nel 2023”.              Sempre la stessa proposta applicabile in tempi biblici per la mancanza di capitale umano causato dal sistema formativo e post – formativo dei medici.

Serve un’altra soluzione immediatamente attuabile.

La soluzione nascosta

Questa possibilità c’è, ed è “nascosta” in una Direttiva dell’Unione Europea.

È proprio ora il momento storico per sottolineare quanto sia utile far parte dell’Unione Europea.

Quella che era nata come un’unione puramente economica nel tempo è attiva in numerosi settori diversi, fra i quali salute.

La tessera europea di assicurazione malattia aiuta i viaggiatori ad avere accesso alle cure in caso di malattia durante una permanenza temporanea in un altro Stato membro dell’UE, mentre la direttiva europea sull’assistenza sanitaria transfrontaliera sancisce i diritti dei cittadini che decidano di recarsi in un altro paese dell’UE per ricevere cure mediche.

Proprio la Direttiva EU/2011/24 sulla sanità transfrontaliera potrebbe essere la soluzione, immediatamente attuabile, più vicina al problema, ma talmente fuori dagli schemi ai quali siamo abituati che non riusciamo a vederla!!

Per saperne di più

 contattaci a info@sef.care, o visita il ns sito www.sef.care

Liste di attesa

listedi attesa

La liste di attesa nascono quando il numero di prestazioni erogabili è inferiore al numero di prestazioni richieste.

Liste di attesa, la genesi

Il Servizio Sanitario Nazionale è riuscito a soddisfare la richiesta fino al 2011 nonostante la domanda crescesse del 2,5% annuo.

In seguito, scelte politiche di sostenibilità hanno bloccato l’ incremento al finanziamento per il SSN e la crescita degli organici delle strutture sanitarie.

Si sono così congelate le prestazioni erogabili, mentre la richiesta è continuata ad aumentare creando liste di attesa con tempi sempre più lunghi.

Costringendo una parte dei pazienti ad accedere alle prestazioni pagandole di tasca propria o addirittura a rinunciare alle cure prescritte

Quando è arrivato il Covid-19, le liste di attesa nelle strutture sanitarie pubbliche o private accreditate erano oltre i limiti del Piano Nazionale Governo della Liste di Attesa (PNGLA)

Come il Covid ha quasi azzerato gli interventi ortopedici

La pandemia che il Covid ha scatenato ha coinvolto pressoché ogni ambito della vita civile.

A partire da quello sanitario, fino ad arrivare a quello economico, passando per ogni attività umana che fino al giorno prima era totale routine. E da un giorno all’altro si è tramutata in un piacevole ricordo di un mondo perduto.

Ma è soprattutto l’ambito medico che ovviamente ne ha risentito di più.

Migliaia e migliaia di cittadini sono stati fin da subito colpiti dai sintomi del Covid ed hanno preso d’assalto gli ospedali, dalle aree mediche fino alle terapie intensive, saturandole.

Proprio da qui sono scaturiti i maggiori problemi.

È apparso evidente che il sistema sanitario, benché abbastanza solido, soprattutto a confronto con quello di altri paesi, non era pronto ad affrontare una situazione del genere, che nemmeno il romanziere più catastrofista avrebbe immaginato.

Tuttavia, durante il dilagare della pandemia, le altre patologie non si sono fermate.

Purtroppo, si sono dovute fermare, per evidenti ragioni di priorità, le cure che le riguardavano.

Uno dei settori più colpiti da questa circostanza è stata la chirurgia ortopedica e gli impianti di protesi.

Numeri e conseguenze

Ogni anno, in Italia, sono oltre 220.000 gli interventi che riguardano impianto di protesi.

I numeri del 2020 sono impietosi al confronto.

Gli interventi portati a termini sono stati circa 70.000.

Cosa ci dice questo?

Questo dato indica che la differenza tra la media annuale e gli interventi effettivamente compiuti dovrà essere smaltita nel prossimo futuro.

Per fare un conteggio approssimativo, significa che nel solo 2022 dovranno essere eseguiti oltre 400.000 interventi di questo tipo.

Tuttavia, questo dato è sicuramente conteggiato al ribasso.

Infatti, la popolazione italiana diventa sempre più anziana e questo va ad incidere molto sul numero di prestazioni ortopediche richieste, il che ci dice che il numero sarà ancora maggiore.

Situazione attuale

La situazione odierna è di difficile interpretazione. Lo comunica anche il presidente della Siot (Società italiana ortopedia e traumatologia) Tranquilli Leali, che non si sbilancia sulle previsioni per il futuro.

La Siot è stata da subito in prima linea nel continuare a garantire le prestazioni sanitarie, anche se con molte difficoltà date dalla crisi epidemica in corso.

Soprattutto gli interventi in sala operatoria sono stati drasticamente ridotti per carenza di medici anestesisti, impegnati quasi a pieno organico nei reparti di terapia intensiva Covid, e per le normative legate alla pandemia che non consentono l’uso a pieno regime delle sale operatorie.

Questo vuol dire che per smaltire questi numeri ancora in crescita ci vorranno quattro, cinque anni.

Tempi disumani per chi è in attesa di una protesi.

Infatti, questo aspetto è legato a doppio filo ad un altro, anch’esso estremamente negativo, quello psicologico.

“Una persona che deve sottoporsi ad un intervento di sostituzione di un’articolazione lo fa perché quella articolazione non l’aiuta più, forse la persona ha difficoltà anche a spostarsi in casa, dal bagno alla cucina, alla sala da pranzo. O se esce, difficilmente farà più di 100 metri, certamente non potrà fare attività fisica, è gravemente invalida dal punto di vista fisico”

Come uscirne

Per evitare di essere travolti da questo fenomeno, come un fiume in piena, l’opportunità che l’Unione Europea ci ha messo a disposizione già da ben 10 anni potrebbe essere la soluzione.

Una cooperazione sanitaria tra gli stati UE, grazie alla sanità transfrontaliera.

Per saperne di più

 contattaci a info@sef.care, o visita il ns sito www.sef.care

La riabilitazione preventiva nella chirurgia ortopedica

La riabilitazione preventiva nella chirurgia ortopedica

La riabilitazione preventiva sta prendendo sempre più piede in ambito della chirurgia ortopedica. Ma perché è così importante?

La riabilitazione preventiva nella chirurgia ortopedica: cos'è?

Andare incontro ad un intervento chirurgico ortopedico, che quasi sempre è molto invasivo, non è mai semplice perché oltre alla bravura del chirurgo e della sua squadra c’è il fattore paziente. Il modo migliore per approcciarsi a questo “appuntamento” è quello di farsi trovare il più in forma possibile. Ciò sicuramente può essere utile non solo per l’intervento ma anche e soprattutto per la riabilitazione. Il post intervento è un momento molto complicato per i pazienti, che devono affrontare una strada molto dura e complicata durante la quale il paziente deve riuscire a riprendere le normali funzionalità.

Scopriamo gli elementi della riabilitazione preventiva

Come accennato in precedenza, un intervento di chirurgia ortopedica porta ad una serie di importanti effetti collaterali tra i quali il principale è l’atrofia muscolare. Questo evento si ha quando il muscolo non viene usato spesso. Inoltre durante l’intervento il flusso sanguigno diminuisce. Entrambe queste due cause portano ad una riduzione del muscolo, cosa che accade rapidamente. Ciò porta alla diminuzione della forza, della potenza, della resistenza fino addirittura a comprometterne l’equilibrio.

Cos'è la valutazione funzionale tecnologica?

In fase di valutazione della terapia migliore da portare avanti è necessario eseguire alcuni esami, chiamati test funzionali. Questi sono:

  • la valutazione iniziale: è molto importante per tutti gli aspetti della salute dell’individuo. In questo modo è possibile individuare problematiche preesistenti. Sarà quindi possibile determinare con maggiore attenzione gli ambiti su cui operare;
  • passi intermedi: si va a determinare la possibilità di trarre i risultati della prima fase di riabilitazione;
  • l’esito finale: come si può facilmente immaginare, consiste nella parte in cui si traggono le conclusioni.

E’ evidente che questi sono i principi generali che vengono seguiti per offrire un servizio di ottimo livello.

Cosa può fare la riabilitazione preventiva?

Per cercare di diminuire il più possibile questi fattori avversi è possibile agire in anticipo con la riabilitazione. In questo modo è possibile prevenire la mobilità della massa con la conseguente perdita di potenza. Vi sono una serie di operazioni che traggono giovamento da questo tipo di riabilitazione, vediamo le principali:
  • artroplastica totale del ginocchio, anca e spalla;
  • chirurgia spinale;
  • ricostruzione LCA;
  • ripazione cuffie rotatori.
La riabilitazione pre intervento permette di migliorare le aspettative per una post riabilitazione completa e meno faticosa e dolorosa.

La riabilitazione preventiva in ambito sportivo

In ambito sportivo professionale questo tipo di riabilitazione è usato già da molti anni perché è l’unico modo per mettere lo sportivo nelle condizioni di riprendersi velocemente. Un atleta, nel malaugurato caso di infortunio, dovrebbe rivolgersi verso questo tipo di riabilitazione, perché permette di ottenere questi tre obiettivi principali:

  • lavorare sulla forza fisica;
  • migliorare l’equilibrio della gamma dei movimenti;
  • migliorare la stabilizzazione ed il cordinamento.

E’ necessario tenere presente che il successo della riabilitazione dipende dalla bravura del fisoterapista ma anche dall’impegno del convalescente.

Per saperne di più

 contattaci a info@sef.care, o visita il ns sito www.sef.care

Il ruolo del facilitatore chirurgico

Il ruolo del facilitatore chirurgico

La figura del facilitatore medico/chirurgico sta prendendo sempre più piede in un mondo dove anche la Sanità ha molteplici possibilità da offrire al paziente.

Cosa è un facilitatore chirurgico

Solitamente si definisce facilitatore un individuo che ha la funzione di intermediario.

In ambito medico, il facilitatore è la persona con la quale un paziente si interfaccia quando ha bisogno di supporto nella ricerca di un medico specialista, di un particolare intervento chirurgico, di trovare una clinica (in Italia o all’estero) che sia idonea al trattamento di cui ha bisogno.

Il ruolo di un facilitatore è quindi molto importante. Molti pazienti, che non sanno o non possono essere informati su medici o cliniche, possono ricevere un grande aiuto dal facilitatore. Possono avere un unico interlocutore per avere a disposizione informazioni su diverse strutture mediche, diversi medici specialisti o chirurghi.

Negli ultimi 5 anni, secondo il XXIII Rapporto Pit Salute di Cittadinanzattiva, tra le principali criticità in Italia, al terzo posto delle segnalazioni dei cittadini, troviamo la sicurezza delle cure e la presunta malpractice. Preoccupante l’impennata di segnalazioni in questo settore (+6,8%) dal 2018 (10,5%) al 2019 (17,3%).

SI evince da qui la necessità del cittadino/paziente di trovare un professionista di fiducia

Cosa fa un facilitatore chirurgico

Il facilitatore è un “professionista della salute”, che lavora ed ha esperienza in campo sanitario, ed ha le competenze per aiutare il paziente nella scelta da affrontare. Nella ricerca di un chirurgo, per esempio, spesso il paziente si trova di fronte a difficoltà, e si affida solamente al “passaparola”. Il facilitatore riesce invece a mettere insieme molteplici fattori che possono indirizzare il paziente verso uno specialista che possa fare maggiormente al proprio caso ed al proprio stato di salute. Come detto, i fattori sono diversi. Il facilitatore ha infatti a disposizione svariati canali dai quali ottenere informazioni. Si va dalla semplice conoscenza diretta del chirurgo, ai contatti con le multinazionali produttrici di medical device, all’accesso privilegiato alle liste ed ai siti che monitorano le attività delle strutture sanitarie in Italia.

Come scegliere la clinica

Un paziente che si affida ad Internet per la scelta della clinica dove operarsi si trova di fronte ad una “giungla” di informazioni. Sono tantissime le società che fanno classifiche degli ospedali, e non è facile trarne delle conclusioni. Il facilitatore chirurgico ha proprio il compito di snellire questa ricerca. Egli, infatti, è in grado di leggere e capire le statistiche che gli vengono fornite, riesce a capire quali siano i punti di forza e di debolezza delle strutture (una struttura molto nota a livello nazionale potrebbe però avere delle lacune in una particolare branca medica).

Facilitatore del Turismo Medico

Un paragrafo a parte va riservato al Facilitatore del Turismo Medico. Questa figura, infatti, oltre a fornire le informazioni necessarie al paziente per prendere una decisione sulla propria salute, sarà il punto di riferimento per il paziente durante il suo “viaggio medico”. Un facilitatore del turismo medico aiuta il paziente a pianificare i dettagli del suo trattamento nella clinica straniera. Lo aiuta ad ottenere autorizzazioni sanitarie, visti, prenotare voli, organizzare alloggi e prendersi cura di altri aspetti come trasporti, tour, etc. Il facilitatore deve avere un rapporto privilegiato con l’ospedale per essere in grado di parlare direttamente con lo staff, in caso di necessità. Ci sono varie organizzazioni internazionali che si occupano dei Facilitatori in modo da fare corsi e tenerli sempre aggiornati su tutti gli aspetti legati al Turismo Medico. SEF fa parte di due delle maggiori associazioni, Medical Tourism Association e Medical Tourism Business.

Per saperne di più

 contattaci a info@sef.care, o visita il ns sito www.sef.care

La Protesi di spalla con navigatore

La Protesi di spalla con navigatore

Effettuare l'impianto con la massima precisione è il requisito fondamentale per l'impianto di protesi di spalla

La protesi di spalla con navigatore permette il trattamento personalizzato, migliori risultati funzionali e riduzione dei tempi di recupero.

Questi sono alcuni dei  vantaggi assicurati dalla tecnologia per l’Imaging 3D e GPS nella protesi di spalla, che nel nostro paese riguarda ormai 5.000 casi all’anno

La protesi di spalla con navigatore GPS

Alla base del sistema, la mappatura digitale 3D dell’articolazione sulla base dei dati forniti da una TAC pre operatoria. Questa permette di programmare l’intervento nei minimi dettagli, adattandolo all’anatomia del singolo pazienze, integrandola con i sensori GPS durante l’intervento e permettendo al chirurgo una precisione estrema.

Pianificazione

Massima precisione

La chirurgia computer-navigata, grazie alla sua precisione, permette di ridurre al minimo gli errori e le relative complicanze post operatorie. Quali ad esempio la lussazione della protesi o la mobilitazione precoce.

La mano del chirurgo è guidata dai sensori GPS sulla pianificazione pre operatoria. Il risultato è visibile sullo schermo con la possibilità di cambiare la pianificazione in tempo reale qualora l’andamento dell’operazione lo rendesse necessario. Tutto ciò permette di ridurre al minimo le complicanze grazie ad una precisione di impianto non ottenibile a mano libera.

precisione

Indicazioni di utilizzo

L’utilizzo di questa tecnica è indicato per tutti i casi di impianto di protesi di spalla. In particolare, i pazienti che ne traggono maggiore vantaggio sono :

  • pazienti con gravi deformità glenoidee sia primarie che dopo il fallimento della prima protesi
  • pazienti under 60 in cui la precisione del posizionamento può determinare una maggiore durata dell’impianto.
  • giovani pazienti in cui si può o si deve impiantare una protesi anatomica (ovvero che riproduce la normale anatomia gleno-omerale sostituendo le superfici).
  • Casi in cui il margine di errore non deve superare i 5’ di inclinazione o rotazione dell’impianto,  margine ridottissimo non identificabile con l’occhio umano. Qui acquisisce una grande importanza la tecnica navigata.
I vantaggi per il paziente

– aumento di precisione nel posizionamento della protesi

– eliminazione completa del dolore

– aumento qualità di vita nel post-operatorio breve

– aumento longevità della protesi (10-15 anni)

– miglioramento mobilità post-operatoria

– miglioramento possibilità di riprendere a fare sport, purché senza esagerare

Per saperne di più

 contattaci a info@sef.care, o visita il ns sito www.sef.care

9°CIHTConference, Conferenza Internazionale sul Turismo Medico

9°CIHTConference

Si è svolta il 4 e 5 novembre scorsi a Crikvenica, in Croazia, la 9° Conferenza Internazionale sul Turismo Medico, CIHTCONFERENCE.

Finalmente, dopo la battuta di arresto dovuta al Covid, i congressi e gli incontri dal vivo sono ripresi a pieno ritmo.

La 9° CIHT Conference è una conferenza di due giorni che riunisce docenti locali e stranieri e partecipanti provenienti dai campi della medicina, del turismo e dell’economia. Il tutto con l’obiettivo di introdurre le nuove tendenze nel turismo e nella medicina. Questa manifestazione è il risultato di una collaborazione tra l’Ente per il turismo di Crikvenica e il Distretto del turismo sanitario del Kvarner.

Crikvenica

La CIHT Conference contribuisce all’implementazione delle attuali conoscenze teoriche, ed alle tendenze del mercato del turismo medico.  

I partecipanti

Alla Conferenza partecipano più di 150 esperti di turismo medico internazionali che ricoprono posizioni dirigenziali nelle grandi istituzioni e aziende del turismo sanitario.

Due giorni quindi di scambio di esperienze e di formazione.

 Gli interventi sono stati molteplici, e su diversi aspetti del Turismo Medico. E non solo turismo medico. 

 

Gli interventi

Infatti, tra gli interventi più interessanti, annotiamo quello di Arnis Krasovskis, Presidente di Medrefund Ltd UK, che ha parlato dell’effetto post Brexit per i cittadini inglesi sulla Direttiva della Sanità Transfrontaliera (La Direttiva 2011/24/UE). Infatti, anche se per le richieste di rimborso pre Brexit il cittadino inglese ha tempo fino al 31/01/2022 per presentarle, per tutti gli interventi post Brexit questa possibilità non c’è più. Unica possibilità che è rimasta al cittadino inglese: il modello S2.
brexit

Il modello S2 permette ad una persona assicurata in un paese dell’UE (e in questo caso anche Gran Bretagna) di dimostrare di avere diritto a cure programmate (o “pianificate”) in un altro paese dell’UE. Se una persona si reca in un altro paese per sottoporsi a cure sanitarie, la relativa spesa sarà sostenuta dall’ente per l’assistenza sanitaria di questa persona soltanto se per tali cure è stato preventivamente chiesto il permesso all’ente (cioè la previa autorizzazione).

 

Non è sempre facile però trovare cliniche che accettano questo tipo di modello e di pagamento.

Per saperne di più

Per maggiori info sulla sanità transfrontaliera o sul turismo mecio contattaci a info@sef.care, o visita il ns sito www.sef.care

Chirurgia robotica ortopedica

Chirurgia robotica ortopedica

Gli interventi di sostituzione articolare (protesi) hanno migliorato la qualità di vita di milioni di italiani negli ultimi decenni, alleviando il dolore, aumentando la capacità di movimento e permettendo il ritorno ad una piena vita sociale.

In questi anni la chirurgia ortopedica ha compiuto enormi passi in avanti con le nuove tecniche e tecnologie e grazie a professionisti sempre più preparati concentrati nel migliorare i risultati dei tanti interventi chirurgici.

Il successo delle protesi totali di anca e ginocchio dipende dal corretto posizionamento dell’impianto, tenendo conto della cinematica e dell’anatomia nella specifica articolazione.

Dopo oltre 500.000 interventi effettuati nel mondo si può affermare che con la chirurgia robotica nell’impianto di protesi, la percentuale di errore umano si riduce al minimo.

Chirurgia robotica ortopedica

Il chirurgo sfrutta l’ausilio robotico per eseguire quanto programmato in fase pre-operatoria. Il robot infatti ha il vantaggio di consentire una pianificazione dell’atto chirurgico molto accurata sulle peculiarità del singolo paziente. Partendo dalle immagini TC (TAC) preoperatorie, si realizza un modello tridimensionale sul quale programmare l’intervento da eseguire in sala operatoria con l’ausilio del robot che permette un’estrema precisione del taglio osseo. Questo consente una riduzione degli errori di posizionamento della protesi, in modo da alloggiarla nella giusta sede bilanciata alla perfezione. Si ottiene così:
  • un minor rischio di instabilità della protesi
  • un corretto bilanciamento
  • una ridotta incisione

Artroprotesi d’Anca Robotizzata

L’artroprotesi d’anca robotizzata sfrutta il sistema computerizzato che, grazie alle immagini TAC effettuate dal paziente precedentemente all’intervento, elabora un modello tridimensionale dell’anca su cui intervenire. Permette al chirurgo di scegliere, durante la pianificazione, il posizionamento ed anche la misura dell’impianto di protesi all’anca.
Durante l’intervento, con l’ausilio dei sensori posizionati sull’articolazione, vengono forniti al software del robot parametri che, assieme allo studio preoperatorio, creano il modello definitivo.

Il chirurgo effettua la resezione del collo femorale, inserisce la componente femorale di prova e prepara l’alloggiamento della coppa acetabolare tramite una fresa del robot, sotto il controllo del computer. Verificata la correttezza dell’impianto di prova (lunghezza degli arti, stabilità delle componenti, tensione muscolare, ecc.) procede con l’impianto della protesi definitiva.

La tecnica robotica riduce drasticamente gli errori di posizionamento delle componenti protesiche e consente il monitoraggio, in fase peri-operatoria, dei parametri indispensabili al corretto funzionamento di una protesi (centro di rotazione, lunghezza, tensione dei gruppi muscolari che muovono e stabilizzano l’anca, ecc.)

I vantaggi per il paziente

Il lavoro svolto con l’ausilio del robot per il corretto posizionamento delle componenti consente una biomeccanica più efficiente ed un’articolazione più stabile, permettendo una più rapida riabilitazione

l’intervento mininvasivo permette al paziente, con l’ausilio di due stampelle, di deambulare caricando il peso sull’arto operato, già dal giorno successivo all’intervento, facendo scarso uso di farmaci analgesici

Il ritorno a casa può avvenire pochi giorni dopo l’intervento, proseguendo la riabilitazione a domicilio o in regime ambulatoriale.

Artroprotesi di Ginocchio Robotizzata

L’artroprotesi di ginocchio (parziale e totale) con tecnica robotica sfrutta l’utilizzo del sistema come supporto al lavoro del chirurgo.

Si crea un modello elettronico del ginocchio a tre dimensioni sulla base di una TAC preoperatoria per programmare l’intervento, che viene completato dalle informazioni trasmesse dai sensori posizionati sull’articolazione in sede operatoria. Questo permette di fornire le istruzioni utili a posizionare la protesi nella giusta sede, bilanciata perfettamente.

Il braccio robotico consente al chirurgo di effettuare, con precisione, la resezione dell’osso per posizionare la protesi.

Questa tecnica consente di ridurre drasticamente gli errori di posizionamento della protesi al ginocchio, causa della maggior parte dei fallimenti e delle complicazioni. La tecnica robotica dà la certezza  dell’esatto posizionamento della protesi mentre la si impianta, non in seguito.

La protesizzazione di ginocchio con la tecnica tradizionale in alcuni casi viene sconsigliata, come ad esempio quando si ha un’insufficienza del legamento crociato o addirittura l’assenza dello stesso. Grazie alla grande precisione del sistema, nel primo caso si può optare per una protesi monocompartimentale, mentre nel secondo si può ricostruire il legamento nello stesso intervento di artroprotesi. 

I vantaggi per il paziente
Grazie alla precisione della fresa robotica è possibile risparmiare tessuto osseo sano e non traumatizzare i tessuti molli (legamenti, capsula, muscoli). Questo intervento mininvasivo permette anche il non uso del laccio pneumoischemico alla coscia, permettendo di mantenere una circolazione sanguigna costante durante tutto l’intervento. Con enormi benefici quindi per i pazienti che soffrono di patologie venose. Sul dolore post operatorio da compressione questo permette tempi di recupero più rapidi rispetto alla tecnica convenzionale. Il paziente può riprendere a camminare nelle prime 24 ore, senza l’uso di farmaci analgesici. Entro poche settimane si può tornare ad una vita di relazione e a lavoro, nel 70% dei casi non è necessaria la degenza riabilitativa (protocollo Fast-Track), ma è sufficiente un programma di ginnastica sotto la guida di fisioterapisti da proseguire a casa. La mini-invasività, come anche il perfetto bilanciamento legamentoso della tecnica robotica,  consente un ritorno all’attività sportiva, seppure con alcune limitazioni.

Per saperne di più

 contattaci a info@sef.care, o visita il ns sito www.sef.care

Come scegliere la clinica ortopedica

Come scegliere la clinica ortopedica

Quali sono i criteri da considerare per poter valutare l’affidabilità di una clinica ortopedica.

In Italia gli interventi di sostituzione protesica articolare (anca, ginocchio e spalla) sono in continua crescita.

Si è passati da 168.000 interventi nel 2012 a oltre 215.000 nel 2019. 

Non è difficile da comprendere, se si pensa che a livello globale le malattie muscolo-scheletriche dolorose sono la seconda causa di disabilità.  

Una percentuale che varia dal 20% al 30% della popolazione vive con una di queste patologie, che interessano persone in età avanzata, ma anche soggetti più giovani.

Le cliniche in Italia

Secondo l’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali in Italia i centri che effettuano questo tipo di interventi sono 767. 339 nel nord Italia (Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia, Veneto, Emilia-Romagna). 163 nel centro Italia (Lazio, Marche, Toscana ed Umbria). 265 nel sud Italia (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia).

Come effettuare la scelta della clinica

Scegliere la clinica ortopedica giusta per il buon esito dell’intervento è fondamentale!

L’indicatore di cui tener conto nella scelta è il volume di interventi effettuati durante l’anno.

Infatti, il numero di impianti effettuati nell’anno è direttamente proporzionale alla preparazione sulla patologia interessata sia operatoria che post-operatoria.

Numeri di riferimento ed eccellenze

Sfruttando i dati della stessa AGENAS, abbiamo fatto per voi una valutazione delle strutture da “insufficiente” a “eccellente”, in base al volume di interventi, come di seguito.

Per la protesi di anca:

  • Insufficiente inferiore a 50 impianti annui
  • Sufficiente da 51 a 100 impianti annui 
  • Affidabile da 101 a 300 impianti annui
  • Buona da 301 a 500 Impianti annui
  • Eccellente superiore ai 500 impianti annui
Eccellenze in Italia per la protesi di anca   (numero interventi anno)

IST. CLINICO HUMANITAS   –   Rozzano

Lombardia

2125

ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI SPA     –     Milano

Lombardia

1973

ISTITUTO ORTOPEDICO RIZZOLI    –     Bologna

Emilia Romagna

1965

IST.CLINICO S.SIRO SPA    –     Milano

Lombardia

996

ISTITUTO CLINICO S. ROCCO S.P.A.     –     Ome

Lombardia

801

CASA DI CURA GIOVANNI XXIII    –     Monastier Di Treviso

Veneto

793

AZ. OSPEDALIERO – UNIVERSITARIA CAREGGI    –     Firenze

Toscana

773

OSPEDALE CENTRO TRAUMATOLOGICO ORTOPEDICO     –     Torino

Piemonte

743

CASA DI CURA S.GIUSEPPE     –     Arezzo

Toscana

727

ISTIT CHIR ORTOP TRAUMATOLOGICO     –     Latina

Lazio

705

POLICL. UNIV. CAMPUS BIO MEDICO      –     Roma

Lazio

661

ASST SPEC.ORT.TRAUMATOLOGICO G.PINI/CTO     –     Milano

Lombardia

633

IST.CLIN. CITTA’ DI BRESCIA     –     Brescia

Lombardia

628

OSPEDALE DI BASSANO     –     Bassano Del Grappa

Veneto

616

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA PISANA     –     Pisa

Toscana

570

FONDAZIONE POLIAMBULANZA    –     Brescia

Lombardia

564

CASA DI CURA CELLINI    –     Torino

Piemonte

556

CASA DI CURA PEDERZOLI    –     Peschiera Del Garda

Veneto

553

CASA DI CURA ABANO TERME POLISPEC. E TER    –     Abano Terme

Veneto

551

CASA DI CURA MATER DOMINI    –     Castellanza

Lombardia

548

C.O.Q. OSPEDALE MADONNA DEL POPOLO     –     Omegna

Piemonte

541

OSPEDALE SACRO CUORE DON CALABRIA     –     Negrar Di Valpolicella

Veneto

529

I CEDRI HOSPITAL     –     Fara Novarese

Piemonte

506

Per la protesi di ginocchio:

  • Insufficiente inferiore a 50 impianti annui
  • Sufficiente da 51 a 100 impianti annui 
  • Affidabile da 101 a 300 impianti annui
  • Buona da 301 a 500 Impianti annui
  • Eccellente superiore ai 500 impianti annui
Eccellenze in Italia per la protesi di ginocchio  (numero interventi anno)

ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI SPA     –     Milano

Lombardia

2462

IST.CLIN. CITTA’ DI BRESCIA    –     Brescia

Lombardia

1099

IST. CLIN. HUMANITAS     –     Rozzano

Lombardia

1025

POLICL. UNIV. CAMPUS BIO MEDICO     –     Roma

Lazio

911

IFCA SPA CASA DI CURA ULIVELLA E GLICINI     –     Firenze

Toscana

832

CASA DI CURA GIOVANNI XXIII     –     Monastier Di Treviso

Veneto

786

IST.CLINICO S.SIRO SPA     –     Milano

Lombardia

771

ISTITUTO ORTOPEDICO RIZZOLI   –     Bologna

Emilia Romagna

756

OSPEDALE SACRO CUORE DON CALABRIA     –     Negrar Di Valpolicella

Veneto

748

CASA DI CURA S. PIO X     –     Milano

Lombardia

744

CASA DI CURA SILENO E ANNA RIZZOLA    –     San Dona’ Di Piave

Veneto

702

CASA DI CURA ABANO TERME POLISPEC. E TER     –     Abano Terme

Veneto

701

CASA DI CURA VILLA ERBOSA OSPEDALE PRIVATA     –     Bologna

Emilia Romagna

662

CASA DI CURA CITTA’ DI PARMA     –     Parma

Emilia Romagna

662

ISTITUTO CLINICO S. ROCCO S.P.A.    –     Ome

Lombardia

650

OSPEDALE DI SUZZARA S.P.A.     –     Suzzara

Lombardia

630

ISTIT CHIR ORTOP TRAUMATOLOGICO    –     Latina

Lazio

627

CASA DI CURA VILLA IGEA     –     Acqui Terme

Piemonte

627

CASA DI CURA S.GIUSEPPE     –     Arezzo

Toscana

613

CASA DI CURA PRIVATA ‘S.GIORGIO’ SPA     –     Pordenone

Friuli Venezia Giulia

610

CASA DI CURA POLICLINICO SAN MARCO    –     Venezia

Veneto

591

POLICLINICO DI MONZA   –     Alessandria

Piemonte

583

CASA DI CURA VILLA IGEA     –     Ancona

Marche

576

CENTRO CHIRURGICO TOSCANO SRL     –     Arezzo

Toscana

575

VILLA BETANIA    –     Roma

Lazio

555

CASA DI CURA POLICLINICO     –     Monza

Lombardia

555

CLINICA SAN FRANCESCO SPA – Casa di cura    –     Verona

Veneto

542

OSPEDALE PRIVATO ACCREDITATO VILLA CHIARA  –  Casalecchio Di Reno

Emilia Romagna

531

CASA DI CURA FRATE SOLE  SRL     –     Figline E Incisa Valdarno

Toscana

518

AZ. OSPEDALIERO – UNIVERSITARIA CAREGGI    –     Firenze

Toscana

517

CASA DI CURA CITTA’ DI BRA    –     Bra

Piemonte

510

Protesi di spalla

Per la protesi di spalla:

  • Insufficiente inferiore a 25 impianti annui
  • Sufficiente da 25 a 50 impianti annui 
  • Affidabile da 51 a 100 impianti annui
  • Buona superiore ai 100 impianti annui
Buone cliniche in Italia per la protesi di spalla  (numero interventi anno)

OSPEDALE “CERVESI” – Cattolica

Emilia Romagna

230

CASA DI CURA VILLA IGEA – Acqui Terme

Piemonte

225

POLICL. UNIV. CAMPUS BIO – Roma

Lazio

212

ISTIT CHIR ORTOP TRAUMATOLOGICO – Latina

Lazio

143

Campolongo Hospital S.P.A. – Eboli

Campania

113

CENTRO CHIRURGICO TOSCANO SRL – Arezzo

Toscana

111

ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI SPA – Milano

Lombardia

109

IST. CLIN. HUMANITAS – Rozzano

Lombardia

105

OSPEDALE DI SUZZARA S.P.A. – Suzzara

Lombardia

103

CASA DI CURA MADONNA DELLA SALUTE – Porto Viro

Veneto

103

CASA DI CURA VILLA FIORITA – Prato

Toscana

103

Per saperne di più

Per maggiori info contattaci a info@sef.care,

 

Come scegliere il chirurgo ortopedico

Come scegliere il chirurgo ortopedico

Scegliere il professionista al quale affidarsi per risolvere il proprio problema di salute non è sempre facile.

Decidere di sottoporsi ad un intervento chirurgico ortopedico non è una questione di poco conto, ma è una tappa importante per il ritorno ad uno stile di vita attivo e senza dolore.

Se per gli interventi in emergenza la sorte fa da padrona, per tutti quelli che vengono definiti “programmati” o in “elezione” il paziente può scegliere il professionista a cui affidarsi.

Come effettuare la scelta

Quali sono i passi da seguire per un primo approccio.

  1. Parlare con il medico di famiglia.
  2. Cercare di informarsi da pazienti già operati dal chirurgo.
  3. Cercare di conoscere dove è stato formato il chirurgo e quanti interventi effettua ogni anno.
  4. Verificare quanti interventi della patologia effettua ogni anno.
  5. Informarsi sulla tecniche chirurgiche effettuate.
  6. Possibilmente effettuare una televisita conoscitiva

La scelta dello specialista è fondamentale, la sua competenza e la sua affidabilità in molti casi fanno la differenza.

Trovare quello giusto vuol dire trovare un chirurgo con una casistica importante nel suo percorso e  una formazione adeguata con le specifiche competenze in un preciso settore attraverso una ultra-specializzazione in:

Ultraspecializzazioni

  • Ortopedia protesica e ricostruttiva

Preparazione specifica in interventi chirurgici mirati all’inserimento di protesi articolari, come quelle al ginocchio e all’anca.

  • Ortopedia di spalla e gomito

Preparazione specifica nella diagnosi, cura e prevenzione di infortuni e patologie di spalla e gomito.

  • Ortopedia di anca e ginocchio

Competenze necessarie per diagnosticare, curare e prevenire infortuni e patologie relative a queste strutture.

  • Ortopedia di piede e caviglia

Preparazione specifica nella diagnosi, cura e prevenzione di infortuni e patologie di piede e caviglia.

  • Ortopedia di mano e polso

Preparazione specifica nella diagnosi, cura e prevenzione di infortuni e patologie di mano e polso.

  • Ortopedia sportiva

Competenze necessarie per diagnosticare, curare e prevenire gli infortuni in ambito sportivo a carico dell’apparato locomotore.

Lo Specialista in questione si occupa di ricostruzione di legamenti e di chirurgia artroscopica mininvasiva.

  • Ortopedia della colonna vertebrale

Preparazione specifica nella diagnosi, nella cura e nella prevenzione degli infortuni e delle patologie che possono interessare la colonna vertebrale.

  • Ortopedia rigenerativa

Esperto di tutte le tecniche di Medicina Rigenerativa relative alla rigenerazione delle cartilagini articolari usurate. Le sue competenze spaziano dal trattamento con cellule mesenchimali al PRP (Plasma Ricco di Piastrine).

  • Ortopedia oncologica

Competenze per diagnosticare e curare tumori dell’apparato muscolo-scheletrico.

  • Ortopedia pediatrica

Preparazione specifica nella diagnosi, cura e prevenzione di infortuni e patologie che colpiscono l’apparato locomotore in età evolutiva.

Visita ortopedica

La visita ortopedica inizia con un’intervista sulla sintomatologia della problematica presente per poi passare all’anamnesi che permetterà al professionista di raccogliere fatti di interesse medico relativi al paziente. Come ad esempio: lo stato di salute generale, le malattie sofferte in passato, le abitudini, l’attività lavorativa, le attività motorie praticate nel tempo libero e le eventuali malattie ricorrenti in famiglia.

Dopo aver chiara la storia clinica, lo specialista si dedicherà all’esame fisico sul corpo del paziente attraverso l’ispezione, la palpazione, la percussione e dei test motori alla ricerca di sintomi e segni riconducibili alla sofferenza manifestata.

L’ultimo passaggio consiste nella prescrizione di esami diagnostici strumentali per approfondire quanto emerso nelle precedenti fasi e dare un indirizzo alla terapia da intraprendere sia essa conservativa piuttosto che chirurgica.

Durante l’incontro è fondamentale sentirsi a proprio agio con il chirurgo in modo da poter discutere sinceramente delle proprie preoccupazioni e sentirli liberi di porre domande.

Gli esami diagnostici e la Telemedicina

Grazie poi all’innovativa Telemedicina, il paziente, una volta effettuati gli esami richiesti dal chirurgo, potrà chiedere di effettuare una televisita per mostrargli gli esami, senza doversi recare allo studio medico. Un ulteriore consulto, cioè il  secondo parere medico (second opinion), può confermare il trattamento proposto, chiarire alcune dinamiche o suggerire interventi diversi, magari meno invasivi e altrettanto efficaci. Anche questo può essere fatto tramite la televisita, se il paziente ha già in mano le risposte degli esami diagnostici fatti.

Ai pazienti, infatti, può capitare di avere dubbi sulle cure e i trattamenti proposti dal medico a cui si sono rivolti. Non sempre per mancanza di fiducia nei confronti dello specialista. Anche perché quando è la salute ad essere al centro dei pensieri, ogni paziente ha diritto di intraprendere il percorso di guarigione con la massima serenità possibile

Per saperne di più

Per maggiori info sui nostri chirurghi ortopedici contattaci a info@sef.care, o visita il ns sito www.sef.care

Il nostro partner Quirónsalud, tra i migliori ospedali al mondo

Il nostro partner Quirónsalud

Quirónsalud. Nella classifica di Newsweek sui migliori ospedali al mondo troviamo anche uno dei nostri partner.

Le classifiche di Newsweek

La rivista Newsweek è stata fondata nel 1933. Da allora ci ha informato sui progressi della medicina, della scienza e della promozione della salute, e ogni anno pubblica diversi report per identificare e riconoscere le migliori istituzioni sanitarie.

World's Best Specialized Hospitals 2022

La classifica, realizzata in collaborazione con Statista, è stata realizzata grazie un sondaggio su oltre 40.000 professionisti provenienti da più di 20 paesi, tra medici, dirigenti e direttori ospedalieri e altri operatori sanitari.

Ospedali di Quirónsalud

Nella classifica “World’s Best Specialized Hospitals 2022, che include i migliori centri del mondo in 10 specialità mediche, troviamo i seguenti centri specialistici di Quirónsalud.

Ospedale Internazionale RuberOspedale Internazionale Ruber

Ospedale Universitario Quirónsalud MadridOspedale Universitario Quirónsalud Madrid

Centro Medico TeknonCentro Medico Teknon

Ospedale Universitario DexeusOspedale universitario dexeus

In dettaglio, il Ruber Internacional appare tra i migliori ospedali al mondo nelle specialità di Neurologia e Oncologia, rispettivamente alle posizioni 101 e 162.

Inoltre, il Teknon Medical Center compare anche nella classifica dei migliori centri nella lotta ai tumori, alla posizione 124.

Allo stesso modo, nella categoria Traumatologia e Ortopedia, la rivista Newsweek ha riconosciuto anche l’Ospedale Universitario Quirónsalud Madrid e l’Ospedale Universitario Dexeus, collocandoli rispettivamente alla posizione 76 e 118.

World's Best Specialized Hospitals 2021

Anche nella classifica del 2021 Quirónsalud poteva vantare il fatto di avere nella classifica uno dei pochi ospedali spagnoli. Infatti, l’ospedale universitario Fundación Jiménez Díaz risultava uno dei 200 migliori ospedali del mondo.

Quirónsalud e SEF Surgical European Facilitator srl

SEF svolge un accurata analisi prima di sottoscrivere partnership. Ed è per questo che è orgogliosa di collaborare con il Gruppo Quirónsalud.

Questo risultato conferma la garanzia della scelta da parte di SEF di accesso alle cure per la mobilità sanitaria in Europa solo con clicniche dai migliori standard.

Per approfondire